Swedish Braided Bread – Re-Cake 2.0 #20

Ripartire dopo uno stop è sempre difficile. Personalmente trovo ogni gennaio il mese più difficile di tutto l’anno: tutte le energie di cui dovrei essere carica forse sono andate a qualcun altro, perchè non ne trovo traccia dentro di me 🙂

Questo gennaio poi è un mese particolarmente difficile, parte a rilento, in salita, ma se tutto quello che porta si realizza questo sarà un anno magnifico, per cui stringiamo i denti tutti insieme e incrociate le dita per me e perdonate il ritardo con cui pubblico la ricetta di questa treccia, un dolce classico della tradizione svedese che diffonderà nelle vostre case un magnifico odore di mele e cannella, ma la mia mente è impegnata altrove e riuscire a destreggiarmi in tutto questo bailamme è veramente difficile 🙂

Un dolce versatile, ottimo per la merenda accompagnato da una tazza di tè bollente oppure per la colazione ed infine caldo a fine pasto con una pallina di gelato alla crema! Continue reading “Swedish Braided Bread – Re-Cake 2.0 #20”

Orecchiette di grano arso con broccoli siciliani

La farina di grano arso mi ha sempre incuriosita.

Me ne incuriosiva la storia prima del sapore: nato decenni fa in Puglia nella zona della Daunia, ossia quella corrispondente alla provincia di Foggia, in pieno Tavoliere delle Puglie. Il grano arso fu a lungo esclusiva della tradizione contadina, spinta per necessità a recuperare le spighe di frumento cadute a terra e coperte dalla vegetazione. L’unico modo per raccogliere con facilità i chicchi di grano rimasti a terra consisteva nel bruciare le stoppie, favorendo altresì la fertilizzazione del terreno. I latifondisti permettevano ai contadini di raccogliere quei chicchi di grano bruciati, che per loro rappresentavano una grande risorsa, dal momento che il prezzo della farina bianca era troppo elevato per comperarne la giusta quantità. Macinati nei mulini a pietra o nei mortai, i chicchi di grano bruciati erano amalgamati a un quantitativo irrisorio di farina bianca: il risultato era una specie di farina integrale dal retrogusto amarognolo, che oggi possiamo solo immaginare. (Fonte Agrodolce).

Continue reading “Orecchiette di grano arso con broccoli siciliani”

Cestino di Natale Re-Cake 2.0 – Polvorones

Mi ero ripromessa di pubblicare prima questa ricetta di cui sono molto ghiotta e che diventerà un mio “must” per i prossimi Natali (quest’anno ho ancora troppe cose da fare e cose nuove da voler provare :))) , ma – appunto – il tempo è tiranno e il tempo per scrivere sul blog pochissimo….se poi ci aggiungiamo che non mi piace fare le cose tanto per fare, e scrivere le intro senza ispirazione e con un nano attaccato alle gambe perchè magari vuole (giustamente) giocare o guardare Giustino su Netflix (ma questa è un’altra storia) non è semplice 🙂

I polvorones sono la seconda proposta per il cestino che noi dello staff Re-Cake 2.0 abbiamo pensato come regalo di Natale per quanti ci seguono con affetto da quasi due anni…dopo la prima Il preparato per cookies, ho pensato di continuare con dei biscotti e vi offro la ricetta dei polvorones appunto, biscotti natalizi spagnoli che ho mangiato in quantità ogni qual volta sono andata in Spagna. A me li ha fatti scoprire mia sorella, che in Spagna ha fatto l’Erasmus, ed è per questo che ho fatto fare la prova assaggio a lei 🙂 Continue reading “Cestino di Natale Re-Cake 2.0 – Polvorones”

I ricciarelli

Natale si avvicina velocemente: ieri fantasticavo sul ponte dell’Immacolata e oggi penso già con terrore al Cenone della Vigilia.

Le mie giornate passano tra gli impegni quotidiani con genitori e figlio e tentativi più o meno riusciti di riprodurre i dolci natalizi della tradizione che partono dai grandi lievitati fino ad arrivare a dolci decisamente più abbordabili. Le regioni verso le quali sono orientata al momento sono le due che conosco meglio: quella di nascita (il Lazio) e quella di adozione (la Toscana): quest’anno mi sono concentrata su quella serie di dolci toscani a base di frutta secca, primi tra tutti i ricciarelli

Non ho mai amato i ricciarelli, forse perchè non ne ho mai mangiati di artigianali o fatti in casa: ho sempre trovato il loro gusto troppo forte, quel sapore di mandorla che quasi ti aggredisce quando ne addenti uno mi ha sempre infastidita, questo – appunto – fino a quando non ne ho assaggiato uno dei miei. Il gusto è molto più delicato, il sapore della mandorla meno invadente, gli ingredienti si amalgamano in un’equilibrio perfetto di sapori.

La ricetta che vi propongo è quella originale dei ricciarelli, datata 1934 e riprende gli appunti di Carlo Guerrini, capofabbrica della G. Parenti, famosa per aver prodotto il primo panforte bianco di Siena nel 1870. Appunti sistemati da Giovanni Righi Parenti e poi riportati nel libro “Dolcezze di Toscana“: ricetta da me ritrovata qui 🙂

Continue reading “I ricciarelli”

Pandoro sfogliato con lievito di birra delle sorelle Simili

E ci risiamo, quest’anno però forse riesco a pubblicare ricette natalizie prima di natale, e non dopo come solitamente accadeva…ma d’altronde quest’anno sono riuscita a decorare casa (albero di natale, presepe e new entry dell’anno il caminetto) solo con un paio di giorni di ritardo rispetto al canonico 8 dicembre….quindi direi che siamo in un anno di cambiamenti…si può fare 🙂

Comunque, non divaghiamo! Il pandoro.

Quest’anno nel gruppo Re-Cake 2.0 abbiamo organizzato una pandorata: ci è sembrato il modo migliore per tentare di approcciare questo grande lievitato che incute sempre un pò di timore per la lunghezza e la complessità della lavorazione. Abbiamo pensato che uniti ci saremmo fatti forza, e così è stato perchè i partecipanti all’evento stanno producendo risultati mirabili!!! Continue reading “Pandoro sfogliato con lievito di birra delle sorelle Simili”