Dessert/ Pane e lievitati

Torta di rose di Luca Montersino per il Calendario del Cibo Italiano

Questo Calendario del Cibo Italiano mi sta proprio prendendo 🙂 Non credevo sarei riuscita a fare molto se non postare ricette già presenti nel blog ed invece sto riuscendo quasi miracolosamente a destreggiarmi tra i mille impegni e il lavoro e a preparare e quindi a pubblicare ricette ad hoc, ed è uno stimolo non indifferente avere ogni mese una lista di idee da provare in movimento!

Ieri tornando a casa mi telefona la baby sitter del vikingo (dicesi vikingo bambino biondo con occhi azzurri e stazza da vikingo aka Leonardo, mio figlio) e mi da la lieta novella che il suddetto ha la febbre. Arrivati a casa febbre a 38.7 e bambino sprofondato sul divano tra cuscini e coperte con gote rosse e – come ogni maschio degno di questo nome – con le sembianze di chi è prossimo alla morte 🙂 Dopo cena, caramella e latte e nesquik (gli ultimi due concessi per estorcere più dei due bocconi con cui cena ogni sera) gli propino la tachipirina, ed assistiamo in poche ore a una rimonta della salute impressionante. 

Ora non voglio farvela troppo lunga ma il risultato è stato che il bimbo ha sfebbrato nella notte, ha dormito come un sasso – io di meno perchè mi sono beccata tutte le manate del suo sonno agitato – e stamane era pieno di energie….ovviamente da brava mamma previdente non l’ho mandato comunque a scuola – anche se già alle nove di mattina ero tentata di portarlo – ed il risultato di questa giornata è stata tre ricette realizzate e un principio di esaurimento nervoso 🙂

Ho scelto la Torta di rose del maestro Luca Montersino perchè l’avevo già provata e ne avevo testato il gusto e la morbidezza, ma questa volta ho voluto cambiare ripieno utilizzando una marmellata greca (viene da Corfù) di kumquat unita a gocce di cioccolato al latte per un risultato davvero speciale!

Print Recipe
Torta di rose con marmellata di kumquat e gocce di cioccolata
Porzioni
2 teglie da 20 cm
Ingredienti
Per la pasta brioche di Luca Montersino
  • 500 g farina 400W io farina Panettone Z Mulino Dalla Giovanna
  • 80 g latte intero
  • 15 g lievito di birra fresco
  • 180 g uova intere
  • 70 g zucchero semolato
  • 15 g miele
  • 8 g rum
  • 190 g burro morbido
  • 8 g sale
  • 2 g 3-4 limoni scorza grattugiata
  • 1 cucchiaino estratto vaniglia
Per il ripieno
  • 250 g marmellata di kumquat proveniente da Corfù
  • gocce di cioccolato al latte
  • granella di zucchero
Porzioni
2 teglie da 20 cm
Ingredienti
Per la pasta brioche di Luca Montersino
  • 500 g farina 400W io farina Panettone Z Mulino Dalla Giovanna
  • 80 g latte intero
  • 15 g lievito di birra fresco
  • 180 g uova intere
  • 70 g zucchero semolato
  • 15 g miele
  • 8 g rum
  • 190 g burro morbido
  • 8 g sale
  • 2 g 3-4 limoni scorza grattugiata
  • 1 cucchiaino estratto vaniglia
Per il ripieno
  • 250 g marmellata di kumquat proveniente da Corfù
  • gocce di cioccolato al latte
  • granella di zucchero
Istruzioni
  1. Mettete nella ciotola della planetaria la farina, il latte, il lievito di birra, le uova, il miele e lo zucchero semolato e cominciate ad impastare con il gancio.
  2. Quando l'impasto sarà liscio e omogeneo aggiungete poco alla volta il burro a pomata (ricordate di non aggiungere altro burro fino a che quello che avete messo prima non sarà stato ben assorbito) e quando il burro sarà stato ben assorbito dall'impasto, aggiungete il rum, il sale e gli aromi.
  3. Ponete in una ciotola, coprite con pellicola per alimenti e mettete a lievitare fino al raddoppio del volume.
  4. Quando il volume sarà raddoppiato prendete l'impasto, disponetelo su un piano infarinato e stendetelo in un rettangolo di 2,5 mm di spessore con il lato lungo "parallelo" rispetto a voi.
  5. Stendete sul rettangolo di impasto la marmellata e cospargetelo di gocce di cioccolato. Arrotolatelo poi dal lato più lungo ottenendo un cilindro.
  6. Ponete il cilindro farcito in frigorifero per un'ora. Trascorso questo tempo tagliatelo in rondelle di circa 3 cm di spessore e disponetele in due teglie da circa 20 cm di diametro distanziandole perchè lievitando cresceranno di dimensioni ed andranno a riempire lo spazio vuoto tra di loro.
  7. Lasciamo lievitare fino al raddoppio. Terminata questa seconda lievitazione cospargete di granella di zucchero e infornate in forno statico preriscaldato a 180°C per circa 30 minuti.
  8. Sfornate e lasciate raffreddare prima di servire.

Questo è il mio contributo per il Calendario del cibo italiano nella giornata della Torta di rose.

Archivi

You Might Also Like

14 Comments

  • Reply
    Serena
    4 maggio 2017 at 10:36

    Che bella la tua torta di rose Claudia, quella marmellata di kumquat mi fa gola solo al pensiero io li adoro anche il rum ci deve stare benissimo, brava. Mi dispiace per Leonardo ma tutto sommato mi sembra di capire che quel po’ di febbre sia stata provvidenziale, aspetto di vedere le altre meraviglie che hai fatto nella stessa giornata. Spero di vederti presto

    • Reply
      lapagnottainnamorata
      4 maggio 2017 at 18:12

      La prossima volta un pò più di rum però 😀 😀 Ho dovuto portarla in ufficio per evitare di finirla tutta…davvero stupenda, ma si sa Montersino è una garanzia 🙂 Spero di vederti presto anche io <3

  • Reply
    Pattypa
    4 maggio 2017 at 11:34

    Povero Leonardo, spero che ora stia meglio! E’ meravigliosa questa torta nella forma e nei sapori, bravissima! Un bascione

    • Reply
      lapagnottainnamorata
      4 maggio 2017 at 18:10

      Grazie PAttypa:) Sta meglio sta meglio….in realtà stava meglio già ieri:)

  • Reply
    Marina
    4 maggio 2017 at 12:03

    I bambini sono incredibili, ti fanno’precipitare dalla luna perché pensi che stanno per salutare il mondo e poi si riprendono dopo una bevanda alla cioccolata !! Certo che i maschi…
    Ovviamente se tu sforni queste bellezze in mezzo alla confusione mi chiedo cosa sei capace di produrre quando tutti stanno bene ?

    • Reply
      lapagnottainnamorata
      4 maggio 2017 at 18:10

      Somiglia tutto al padre…un raffreddore e sembra che sono a un passo dalla tomba 😀 Per assurdo quando sono sotto stress e in mezzo alla confusione rendo più di quando la calma vige in casa 🙂 Non credo sia un caso 🙂 Grazie per essere passata MArina 😀

  • Reply
    Giuliana
    4 maggio 2017 at 14:12

    hai descritto perfettamente mio nipote Valerio, quando è febbricitante. La Tachipirina li resuscita più pimpanti e agitati di prima. La tua torta di rose è davvero profumatissima, con quella marmellata di kumquat! Complimenti e un bacino al vikingo!

    • Reply
      lapagnottainnamorata
      4 maggio 2017 at 18:08

      Grazie mille GIuliana!! Ovviamente già ieri stava benissimo e al momento gioca contento come una pasqua infischiandosene della febbre che fino a pochi giorni fa lo faceva patire 😀

  • Reply
    Katia Zanghi'
    4 maggio 2017 at 22:47

    Proverò sia la versione Montersino, sia la marmellata. La tua torta è troppo invitante…
    Un bacio a Leonardo.

    • Reply
      lapagnottainnamorata
      5 maggio 2017 at 14:40

      La marmellata viene da Corfù, comprata in grecia due anni fa…ma l’ho anche fatta homemade ed era buona lo stesso 🙂 Il dolce di Montersino veramente spettacolare <3

  • Reply
    Maria Teresa
    6 maggio 2017 at 11:56

    La tua torta di rose è deliziosa e buonissima, degna del tuo meraviglioso vichingo! Complimenti!
    Un caro saluto <3

    • Reply
      lapagnottainnamorata
      9 maggio 2017 at 10:13

      Grazie mille Maria Teresa:) Spero di rivederti presto!!

  • Reply
    alessandra
    8 maggio 2017 at 18:48

    E achiviamo tutto alle voci gioie della maternita’… ma com’e’ che nessuno ce lo aveva mai detto prima? 🙂
    Dai, meno male che si e’ ripreso- e che tu hai fatto tre ricette! Sono cosi felice di averti anche in questa avventura e sapevo che ti saresti lasciata subito contagiare dall’entusiasmo. Questa torta e’ meravigliosa. Grande ispiratore, ma la tua mano non e’ da meno. Bravissima!

    • Reply
      lapagnottainnamorata
      9 maggio 2017 at 10:11

      Eh forse perchè se ce lo avessero detto prima ….. sarebbe stato tutto uguale ma almeno saremmo preparate 😀
      L’entusiasmo è contagioso è vero, ma il merito sta non solo in chi lo prova, ma soprattutto in chi propone!! Grazie sempre di darmi mille opportunità di mettermi alla prova, non sai quanto sono cresciuta da quando frequento questo mondo:)

    Leave a Reply

    CONSIGLIA The Original New York Cheese Cake