Frittata con la mentuccia per il Calendario del cibo italiano

Quando tra le giornate del mese di maggio del Calendario del Cibo Italiano ho letto che c’era anche la giornata della frittata ho pensato subito a tre delle frittate che a casa mia era uso consumare.

Mia madre non è mai stata una brava cuoca, a dir la verità quello che le riusciva meglio erano sughetti improvvisati e deliziosi per condire la pasta (solitamente della domenica perchè durante la settimana lavorava e tornava a pranzo fatto), le patate fritte, la crema pasticcera e le frittate. Aveva una fantasia per quel che riguarda le frittate che le ho sempre invidiato: con pochi ingredienti ed accostamenti azzardatissimi riusciva a fare delle frittate da urlo. Ma quelle che a me piacevano di più erano la frittata di pasta – che mi riservo però per un prossimo post – la frittata con le cipolle fatta a modo suo e la frittata con la mentuccia, fatta raccogliendo l’erbetta nel giardino e unendola direttamente alle uova sbattute due minuti prima di cuocerle.  Continue reading “Frittata con la mentuccia per il Calendario del cibo italiano”

Filetto di manzo ai lamponi per Sei in cucina

Non è una novità ormai che a me piace partecipare ai giochi a tema culinario. Mi piace mettermi alla prova avendo delle linee guida da rispettare, dei paletti oltre i quali non andare. Non per nulla faccio parte dello staff di uno dei giochi di cucina più longevi del web – Recake 2.0 – e nonostante gli impegni sempre più pressanti ed impellenti non intendo rinunciare a questa mia “passione”. Continue reading “Filetto di manzo ai lamponi per Sei in cucina”

Straccetti di pollo alla crema di gorgonzola e speck su letto di radicchio tardivo al porto

Avete presente quando avete voglia di un piatto sfizioso, dopo una giornata pesante? Una coccola tutta per voi, da mangiare con calma, magari accompagnato da un bel bicchiere di vino bianco. E poco, pochissimo tempo non solo per prepararlo, ma anche per idearlo?

Con il solito nano urlante nelle orecchie e Blaze e le megamacchine che scorrevano sullo schermo della tv cercavo qualche idea per la cena di stasera. Sono stata attratta dalla ricetta degli straccetti di pollo: un piatto estremamente versatile, veloce e buonissimo. 

La mia versione degli straccetti di pollo è proprio da “coccola”. Un cespo di radicchio tardivo, un pò di crema di gorgonzola, mezzo bicchiere di Porto, una spolverata di noci tagliate rigorosamente al coltello e il gioco è fatto! Continue reading “Straccetti di pollo alla crema di gorgonzola e speck su letto di radicchio tardivo al porto”

Pollo fritto American Style per MTC#63

Lo ammetto, quando Silvia, la vulcanica e bravissima vincitrice della sfida nr. 62 dell’MTC con dei Macaron da urlo, ha lanciato questa nuova sfida non ne sono rimasta entusiasta. Ebbene si, non sono una grande estimatrice del pollo fritto, e se vi dico il motivo mi tirereste dietro tutti i fusi di pollo che al momento sono sicura vi trovate “casualmente” sotto mano – ma io amo il rischio e ve lo dico: non amo il pollo fritto perchè non è disossato. Sicuramente turbe che risalgono all’infanzia (peraltro piuttosto normalissima), ma è un fatto, e nella sfida del mese è scritto chiaramente che non valgono pollo disossato, fette di petto di pollo o nuggets….ecco.

Ma si sa, l’ho scritto più di una volta nei post dedicati all’MTC: questa sfida/gioco/scuoladicucinapiùfigadelweb ti mette alla prova e ti fa andare oltre te stesso, le tue paure, i tuoi limiti e via dicendo…per cui alla fine mi sono messa l’animo in pace, sono passata dal mio macellaio di fiducia e ho preso un bellissimo pollo ruspante già in pezzi. Continue reading “Pollo fritto American Style per MTC#63”

Calamari con i piselli

Non amo il pesce. Non l’ho mai amato.

Ricordo che quando vivevo ancora con i miei genitori le cene a base di pesce erano un supplizio per me e per loro. Eppure non mi hanno mai trattata male, il pesce che si mangiava a casa nostra era sempre pesce fresco, comprato in pescheria: parliamo di spigole, orate e simili che mio padre cucinava con perizia, di solito al forno. Il bello era che poi quando lo mangiavo ne riconoscevo il buon sapore, ma per me il pesce non è mai stato sinonimo di una buona cena.

Ora che non vivo più con loro da un pò, ma che non vivo sola, e che devo comunque assicurarmi che marito e figlio (soprattutto figlio) assumano i nutrienti apportati dal pesce, cerco alternative che siano una via di mezzo tra bastoncini Findus e spigola al forno. Mi sono quindi rivolta al mondo dei molluschi con questi calamari con i piselli.

La ricetta originale potete trovarla qui, si tratta della ricetta di Agrodolce a cui ho apportato qualche piccola modifica. Continue reading “Calamari con i piselli”

Il rollè della domenica

Odio gli incipit…sono tre o quattro volte che scrivo sulla pagina bianca e poi cancello…riscrivo e poi cancello…e intanto lo sguardo va all’orologio in basso a destra sullo schermo del pc: ho i minuti contati, e quando è così non riesco mai a trovare il “la” per la scrittura, per fare in modo che poi le mie mani volino sulla tastiera, magari tirando fuori baggianate, ma che almeno sono spontanee e vengono dal cuore 🙂 Continue reading “Il rollè della domenica”

Arista di maiale al miele e cardamomo

Io amo l’arista di maiale, la trovo buonissima, facile da cucinare, sempre pronta ad abbinamenti perfetti ed economica (cosa al momento da non sottovalutare). E’ per questo che quando ho ospiti la prediligo ad altri tagli e ad altri tipi di carne, per non parlare del pesce per il quale non nutro molta simpatia.

Così quando quest’anno ci siamo ritrovati a festeggiare il compleanno del pargolo a Roma e non in Grecia come ogni anno, alla fine di una tre giorni di festa (il 14 agosto compleanno di marito e madre della Pagnotta e il 15 agosto ferragosto), ho optato per l’arista di maiale. Alla ricerca di un modo alternativo per cucinarla mi sono imbattuta in questa ricetta di Andrea Zinno, un blogger che ho la fortuna di conoscere anche di persona e che stimo molto, creatore e gestore del blog Tra pignatte e sgommarelli. La sua ricetta è fondamentalmente diversa dalla mia perchè lui vi utilizza un metodo di cottura che al momento non so proprio gestire, ma l’idea di mischiare miele e cardamomo mi è piaciuta molto, per cui praticamente con gli stessi ingredienti ho riadattato la ricetta ad un motodo di cottura più tradizionale. Continue reading “Arista di maiale al miele e cardamomo”

Involtini alla siciliana

Il pranzo della domenica a casa mia non è mai stato particolarmente celebrato.

Mio padre la mattina andava a Pallotta (la nostra casa in campagna), verso l’ora di pranzo sentivamo suonare il citofono e quello era il segnale che (con nostra somma gioia) dovevamo andare di sotto a prendere le cose che lui aveva portato da fuori (di solito si trattava di olio, vino, verdure e via dicendo – ora ovviamente capisco appieno la ricchezza di quelle sortite, all’epoca per me significava solo che dovevamo caricarci per due piani pacchi che sembravano pesantissimi a delle ragazzine adolescenti). Continue reading “Involtini alla siciliana”

Abbacchio al forno (con le patate)

C’è un motivo per cui le patate sono citate tra parentesi…non le ho messe in punizione, no 🙂 Ed il giorno in cui abbiamo cucinato e mangiato l’abbacchio erano presenti, e sono andate a finire nello stesso forno…solo che nella confusione, nella fretta e nella ressa che ha caratterizzato quel giorno non ho avuto modo di fotografarle…..e quindi le ho messe tra parentesi 🙂

Ma le patate non prescindono l’abbacchio e viceversa…per cui ogni volta che vi ritroverete a fare questo piatto, vi ritroverete di fronte all’imprescindibile connubio tra i due, come Stanlio e Ollio, come Mimì e Cocò, come il cacio sui maccheroni (per tornare in campo alimentare :)) ).

Lasciamo perdere le divagazioni e torniamo a noi e al nostro abbacchio 🙂  Continue reading “Abbacchio al forno (con le patate)”